Tutti gli articoli di Andrea T

Andrea Toso

Ritrovato il piccolo buddha nepalese, del nostro nessuna traccia

Piccolo BuddhaDa Repubblica.it

KATHMANDU – Il ‘Piccolo Budda’ è stato ritrovato vivo in una foresta nell’est del Paese. Il giovane nepalese, ritenuto dai suoi adoratori una reincarnazione del Siddharta Goutama, era scomparso circa 9 mesi fa senza lasciare traccia, creando molta inquietudine fra i buddisti lamaisti.

Ancora nessuna notizia del nostro piccolo buddha, dopo l’apparizione nella clinica di Cleveland e discesa mediatica con elicottero alla villa di Macherio nessuna notizia. I fedeli adoratori fremono.

I blog it piace… tanto da subire un fake!

Un fake per chi non lo sapesse è un “falso”.
In questo caso abbiamo un dominio di Go Daddy* creato ad hoc che funziona da specchietto per le allodole.
www.iblogit.com

Stranamente nato 25 giorni prima (il 1 novembre) e stranamente con lo stesso tema di wordpress (ma io ho la versione modificata fatta da me e loro … se lo prendono nel culetto). Tanta fatica per cosa?
Comunque è quasi una soddisfazione. Speriamo che porti bene.

* provider a basso costo americano che regala un sacco di Adware e altre stronzate a chi lo naviga. Occhio.

Video in WordPress compatible xHTML

Esistono molti problemi generati dai plug-in creati dalla comunità degli sviluppatori di WordPress. Si tratta di problemi di usabilità e accessibilità.
Ne ho provati tanti, e dopo essermi accorto che WP Video (Il plug-in più usato)”sporca” il codice xHTML ho cercato un plug-in completo che fosse anche xHTML compatibile.
L’ho trovato: si chiama Viper Video Quicktags.
Il plug-in è di facile installazione e personalizzazione e permette di importare video da Google Video, YouTube, Metacafe, IFILM, MySpace, QuickTime e da generici file FLV residenti da qualche parte. Il sistema è facile: il plug in inserisce delle icone nell’editor e da lì è molto facile inserire la path del video completa (fornita generalmente da tutti i sistemi di video blogging e Video community).
La versione 4.0 per WordPress 2.0 è scaricabile qui.
Se eravate alla ricerca di un qualcosa di simile, beh, considerate questo post un piccolo regalo di Natale da parte mia. 🙂

Top Keywords di Google e Google News

IconGoogle Zeitgeist pubblica le “Top searches 2006”: le parole più cercate nel famoso (e potentissimo) Google nel 2006. Ovvero:

1. bebo 2. myspace 3. world cup 4. metacafe 5. radioblog
6. wikipedia 7. video 8. rebelde 9. mininova 10. wikiBebo potrebbe essere un cantante o una social network sconosciuta in Italia popolata di Beboers.
Propendiamo per la seconda. Anche perché il cantante è inquietante.
Bebo è seguita a ruota da MySpace, un’altra social network, anzi “la Social Network” per antonomasia (ma come non è in testa?). 
La presenza di parole legate al 2.0 non stupisce. In 8a posizione però compare Rebelde. Cosa è Rebelde? Una telenovela da noi (credo) sconosciuta. La comunità ispanica (centro-sud americana) diventa importante?
Evento dell’anno: La World Cup. Basket, Bocce, Pallavolo? Calcio ovviamente. E’ Germany 2006.
La top ten su Google News invece risulta essere:

1. paris hilton 2. orlando bloom 3. cancer 4. podcasting 5. hurricane katrina
6. bankruptcy 7. martina hingis 8. autism 9. 2006 nfl draft 10. celebrity big brother 2006

La presenza al terzo posto di “cancer” è inquietante (forse più della presenza di una come Paris Hilton in testa). Speriamo che sia il segno zodiacale.
NFL draft per chi non lo sapesse (io ero tra quelli) è il sito ufficiale della National Football League.
Il commento di Google Zeitgeist è emblematico: questa in fondo è parte della “mappa mentale” del mondo (quella parte del mondo che usa la Rete e Google).
Sarei curioso di sapere quale è la Top List Italiana! Qualcuno mi puo’ aiutare?

Piccole console crescono, ma con qualche problema

Nintendo WiiLa tanto attesa Wii (si pronuncia “UI”), piccola e stilosa console di casa Nintendo è incappata in un primo serio inconveniente.
Il telecomando/Joypad (con dentro tecnologia torinese) è un oggettino particolare, muovendolo nello spazio è possibile interagire con il gioco (motion interaction), quindi, ad esempio, per giocare a tennis lo si può usare come una normale racchetta, attraverso i canonici movimenti del corpo e delle braccia.
Il divertimento dicono sia ad alti livelli, soprattutto quando si gioca in coppia. E in fondo fa anche bene alla salute, perché almeno costringe i giocatori ad un po’ di sano movimento.
Dove sta il problema? Ehm… il laccetto che serve a tenere fermo al polso questo originale joypad è difettoso e si rompe con facilità. Dopo le prime finestre rotte e i primi joypad finiti contro il muro o contro lo schermo della TV, la Nintendo ha deciso una sostituzione di massa dell’accessorio. 2 millimetri in più per il nuovo Wii Strap… e un danno economico e di immagine clamoroso per la gloriosa casa nipponica, genitrice del famoso Mario Bros.
I rischi nell’ingresso sul mercato dei videogames sono tanti, anche banali come questo.
Dovrà tenere in seria considerazione questi rischi anche la grande Apple pronta, a quanto si dice, ad entrare nel mercato con un mediacenter specializzato in giochi e intrattenimento, un mix tra iTV e MacMini, con un nuovo iPod con funzionalità remote controller e joypad. Vedremo.

Da Flickr alla mostra fotografica…

DieciCentoDiecicento è un gruppo nato sul web, composto da persone con la passione per la fotografia. Gli autori di queste foto si sono conosciuti sul sito Flickr.com, uno spazio internet su cui chiunque può pubblicare i propri scatti e scegliere di condividerli solo con gli amici o con milioni di contatti da tutto il mondo. Queste persone, per nascita o per scelta, vivono, studiano o lavorano a Torino e ne amano la bellezza e la personalità. Diecicento scopre Torino e la sua gente. Gli abitanti, la vita, le persone che con essa interagiscono: la presenza umana nelle foto è evidente o appena suggerita, ma senz’altro percepita in modo inequivocabile. Da questi semplici spunti sono nati scatti originali e inediti, che raccontano una storia torinese, intima e famigliare o caotica e pubblica.  Continua la lettura di Da Flickr alla mostra fotografica…