Noi creiamo storie per Playstation

La bella storia da leggere (e vedere) di Ovosonico.

A Las Vegas per il Playstation Experience c’erano anche loro, rappresentati dal commander in chief, Massimo Guarini. La mente creativa di Ovosonico era al fianco degli “inFami” di SuckerPunch, dello studio di San Diego di Playstation (i titolari di Mlb, che a noi dice poco ma è il gioco ufficiale della Major League americana di baseball) e dei Naughty Dog di Last of Us e Uncharted. Game designer di prima fila, tra cui appunto l’italiano Guarini del team di Varese. È vero che Massimo, dal ’99 a oggi, ha collezionato una carriera appunto globale – da Ubi Milano e poi Montreal fino a Grasshopper Manufacture (suo è Shadows of the Damned) -, ma non si vive di solo passato. Men che meno nel campo dei videogiochi: Ovosonico era lì per il suo presente, per il colpo di genio di Murasaki Baby e per il progetto “supersegreto” che da Varese stanno sviluppando per Playstation 4. Insomma, a poco più di due anni dalla nascita le “teste d’uovo” stanno per sbarcare sulla console ammiraglia, quella capace di collezionare 15 milioni di pezzi venduti e che da sola o quasi sta trainando la next-gen. I dettagli sul nuovo gioco arriveranno a Los Angeles (E3, a giugno) o a Colonia (Gamescom, in agosto).

leggi tutto: “Noi creiamo storie per Playstation”, l’avventura unica di Ovosonico | Vita Digitale.

Chicago, big data per governare la città

Un modello di 30 mq di Chicago si estende nell’atrio del Railway Exchange Building, un massiccio palazzo liberty del Loop, il centro della città dell’Illinois cuore industriale, portuale, ferroviario – e ora digitale degli Stati Uniti. Grattacieli, silos, banchine, stazioni, giardini e case illuminati con led color pastello sotto un grande tabellone digitale in cui lo sviluppo urbano della città è catalogato per colori a seconda delle decadi di costruzione. Tutto intorno, tablet interattivi su cui analizzare i sistemi di dati raccolti. E’ il cuore della mostra “Chicago, city of Big Data” che la Chicago Architecture Foundation ha messo in piedi quest’anno per illustrare e diffondere l’utilizzo dei dati da parte delle istituzioni locali, con la collaborazione attiva dei cittadini che possono poi accedere agli archivi pubblici così elaborati.

Leggi tutto: Chicago, big data per governare la città: dai topi alle bici, l’archivio del presente – Repubblica.it.

Internet of Things, a che punto siamo?

[…]  La sfida tuttavia non si limita a questioni di taglia. Molto del successo di queste tecnologie passa da tre elementi imprescindibili.

Il primo è l’alfabetizzazione informatica, e pare essere il meno complesso da risolvere. Il ricambio demografico porta a generazioni sempre più vicine all’elettronica mentre interfacce intuitive e piattaforme touch hanno contribuito a sdoganare molte applicazioni prima ritenute proibite. Anche dal lato sviluppatori si moltiplicano iniziative e hackathon dedicati.

Per quanto concerne il secondo, ovvero i protocolli di comunicazione, il discorso invece si complica. Ci sono una miriade di frequenze, formati e standard diversi per veicolare i dati. Wi-Fi, 3G, LTE, Rfid, Nfc, Bluetooth e ZigBee sono solo alcuni tra i principali acronimi in gioco. Tutti validi per diverse ragioni ma il cui moltiplicarsi non aiuta a uscire dall’effetto torre di Babele, in cui strumenti diversi rischiano di non capirsi più perché parlano lingue troppo diverse.

L’ultimo nodo da sciogliere infine è la capacità di banda. Per una diffusione dell’IoT efficace e capillare servono reti e infrastrutture adeguate. In termini non solo di larghezza ma anche di sicurezza della banda, vista la mole e la confidenzialità sempre maggiore delle informazioni che viaggeranno su di essa. Nazioni come Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud godono di impianti avanzatissimi in confronto a quelli europei. Stati come l’Italia rischiano invece di rimanere fatalmente indietro su un terreno sul quale si gioca una grossa fetta del loro rilancio economico. Le ricadute dell’IoT a livello di business non saranno inferiori a quelle che promettono di avere nella vita di tutti i giorni. Attrezzarsi di conseguenza non è bene, è una questione di sopravvivenza.

Leggi tutto: Internet of Things, a che punto siamo? – Wired.

Come i beacon rivoluzioneranno musei e spazi culturali (WIRED)

 Il tema della microgeolocalizzazione è sempre stato un nodo cruciale quando si parla di app o servizi per spazi e eventi pubblici. Il GPS – la risposta a tutti i problemi di localizzazione – non è riuscito a dare la risposta giusta e ha perso il suo turno. Il famigerato QR code, che consente ai proprietari di smartphone di scaricare un’app dopo aver fatto la scansione di un codice a scacchi e lanciare contenuti contestuali, non è così immediato come approccio. Mentre le tag NFC, che hanno avuto successo soprattutto nel mondo del retail, hanno guadagnato poco attenzione al di fuori di questo settore. Il fatto è che, in un mondo wireless, fare la scansione o toccare qualcosa per trasmettere o ottenere informazioni risulta molto scomodo.

Poi è stato rilasciato iOS 7. Dall’annuncio del luglio 2013 si parla tanto di iBeacon in Italia, ma poche al momento sono le app rilasciate. Tra queste un’app dedicata alla visita degli spazi indoor– musei, fiere, manifestazioni – presentata martedì scorso da Ultraviolet, start-up piacentina fondata da Marco Boeri e specializzata nello sviluppo di app per Apple e Android, insieme ai Musei Civici di Palazzo Farnese di Piacenza che hanno ufficialmente adottato IMApp come app ufficiale e come guida multimediale interattiva… LEGGI TUTTO: Come i beacon rivoluzioneranno musei e spazi culturali – Wired.

Ecco come potrebbe cambiare la bandiera del Regno Unito se la Scozia se ne va…

Una divertente panoramica di possibili bandiere che andrebbero (forse, molto forse) a sostituire il mitico Union Jack. E il Galles alla fine potrebbe dire la sua…

(e ce n’è una anche molto “italian”)

(leggi tutto su Corriere.it)

 

 

H-Farm cerca dieci startup da accelerare

E’ aperta la call per la selezione di progetti che parteciperanno alla quarta edizione di H-Camp, il primo e più completo programma di accelerazione per startup nato in H-farm, che ha l’obiettivo di accompagnare giovani imprenditori con una brillante idea nello sviluppo del proprio progetto.

via:  H-Farm cerca dieci startup da accelerare – Corriere.it.