iPhone è arrivato

[…]

Anche Steve Wozniak, detto Woz, co-fondatore della Apple, ha aspettato come tutti gli altri. “E’ da 30 anni che non faccio una fila così lunga – ha spiegato l’altro Steve, che indossava una maglietta con scritto “la fila comincia qui” – dall’ultimo concerto dei Rolling Stones a cui sono andato”.

“Non ci sono trattamenti di favore”, spiegano da Cupertino. E neanche le star sono sfuggite alle legge della fila. Il pr di Cher è stupito: “Ma Oscar e Grammy – si chiede scherzosamente – non ti garantiscono la precedenza?”. E così, anche la superstar (o meglio, il suo assistente) è stata costretta ad aspettare, come tutti gli altri.

Adesso che l’iPhone è nelle mani degli acquirenti, però, si dicono tutti soddisfatti. “Non l’ho neanche provato, l’ho solo acceso – ammette fred Sagemore, da San Francisco – ma è il gadget più bello che abbia mai visto”. Niente ferma i fan. Neanche il prezzo, non proprio accessibile: tra i 499 e i 599 dollari. “Mi sto giocando lo stipendio del prossimo mese – dice Jerry Taylor, 54 anni, appena uscito dallo store di New York – ma ne vale la pena. E’ un Apple!”

[…] Tratto da Repubblica.it

Apple vende iPhone (sono negli USA per ora) ed è delirio collettivo.
Questo è il gadget tecnologico più atteso della storia. Non entriamo nel merito di cosa sia in realtà questo piccolo gioiello tecnologico (pieno di difetti dicono in molti e in effetti sembrerebbe non perfetto), parliamo del fenomeno sociale.
Le isterie collettive sono sempre un fenomeno passeggero, in questo caso è diverso, qui, Steve Jobs ha assestato un altro colpo, ha venduto per l’ennesima volta un oggetto cult ricco di fascino e in grado di creare dal nulla un piccolo pezzo di storia. Dei nuovi media, ma non solo.
Ma perché? I detrattori della Mela dicono che è solo apparenza, fumo, marketing, design. Io dico che c’è qualcosa di più: Steve genera piccoli oggetti fashion che funzionano (generalmente molto bene) perché sembra siano dotati di un’anima.
E’ un paradosso, ma è così. Steve genera con il suo marchio oggetti anche molto costosi, che in alcuni casi non sono competitivi in termini tecnologici con altri, ma sono in grado di raccogliere emotività, passione e una fidelizzazione che mai si era vista in un ambiente generalmente arido di sentimenti come è di fatto quello informatico.
Ai più questo appare un mistero. Io dico che è una dote. E’ frutto di un buon mix di cultura, passione, tecnologia e capacità di portare l’innovazione semplice in mezzo alla gente.
E questo in precedenza non lo aveva mai fatto nessuno.
Quindi viva l’iPhone anche se non è perfetto e non fa le mille cose che altri oggetti fanno. E’ completamente intriso di filosofia Apple e questo agli amanti della Mela basta. A chi guarda il dettaglio tecnologico parrà una quasi bestemmia. Ma è così. Io stesso non potrei usare un altro lettore Mp3 se non l’iPod, anche se tutti i giorni mi arrabbio (ma poi mi passa) perché non ha una radio!
La Apple rimane (almeno nella capacità di comunicare se stessa e il proprio brand) cinque anni davanti agli altri.
E ora aspettiamo di averne tra le mani uno e poterlo criticare ed esaltare fino allo sfinimento.

Intanto guardiamoci questo bel video del NYTimes con David Pogue…
[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=VcRfAaIb2Ro&eurl=[/youtube]

Le Net TV per la politica

Ieri primo esperimento di Net TV con collegamento da un evento politico, il Veltroni Day.
Lo streaming era presente su diversi blog (per lo più torinesi).
E anche i media tradizionali se ne sono accorti.

Da Il Tempo.it

Il discorso in diretta
Guerra delle tv come per i grandi eventi
OGGI La7 sarà l’unica tv in chiaro a trasmettere in diretta il discorso che Walter Veltroni pronuncerà dal Lingotto di Torino per sciogliere la sua riserva e candidarsi alle primarie per la guida del Pd. Lo Speciale Tg inizierà alle ore 17. Sul satellitare sarà invece Sky a trasmettere il discorso, oltre a Nessuno Tv. Intanto tutte le telecamere d’Italia si preparano ad accendere i riflettori su Veltroni. Da Rainews24 al Tg3, passando per gli approfondimenti di Mediaser e Rai. Microfoni accesi anche quelli di RadioRai e GrRai. Ma sarà sul web che si giocherà la vera «guerra» delle dirette. Su internet il canale web-tv dei Ds seguirà il discorso del sindaco (www.dsonline.tv). Stesso «palinsesto» sul sito dell’Adnkronos. Inoltre, in accordo con le emittenti televisive torinesi Primantenna e Rete 7, saranno realizzate interviste e servizi dall’evento. Stessa copertura anche su corriere.it. Dunque un discorso che potrà essere ascoltato in tempo reale in ogni angolo del globo. La diretta sarà visibile attraverso una finestra che si aprirà nei blog coinvolti nell’evento (www.axellweb.com, www.estrablog.net, www.suzukimaruti.it e quello del vice presidente del Consiglio regionale del Piemonte blog.robertoplacido.it) e sarà anche disponibile una chat dove scrivere in tempo reale impressioni, idee e opinioni.

Diario Aperto da i numeri

A parte le considerazioni che feci (non molto positive) sul questionario un po’ di tempo fa, devo dire che la presentazione video di alcuni numeri tratti dai risultati della ricerca è spettacolare. Bravi.

Questo è il link.

Misurare la rete si può

Sì, misurare le conversazioni in Rete si può, sembra difficile se non impossibile e invece si può.
Stamani ho avuto modo di conoscere meglio le meraviglie di un magico team che pensa e fa cosa serie dando sfoggio di grande passione e competenza. Blog Meter è una applicazione che farà molto parlar di se. Garantito.

Fring Revolution!

Fring + Windows Mobile!
Mi è stato comunicato dagli amici di Fring Italia che a breve sarà disponibile anche la versione per Windows Mobile del loro client VoIP, che già da tempo supporta molti dei telefoni Nokia (symbian) di ultima generazione. La comunicazione alla stampa verrà data oggi. Questa è una succosissima anteprima!
Questa è anche un’ottima notizia e significa che circa 300 dispositivi cellulari e palmari potranno adottare l’ottima soluzione proposta di i tipi di Fring su piattaforma Microsoft. Vi ricordiamo che il client permette di usare sia account Skype (anche a pagamento) sia account MSN e Gtalk.

Io utilizzo il client da qualche mese e mi sono sempre trovato bene. Il problema, tutto italiano, è che ci sono pochissime wireless area WiFi gratuite, ma mi fermo qui, ci sarebbe da dire molto e questo non è il post(o) adatto.

Altre informazioni le trovate sul blog ufficiale di Fring Italia: http://blog.fring.it/

RAI TV risponde

La RAI ha risposto al mio post precedente (potete vedere il commento nel post che parla di RAI.TV).
Mi sembra corretto e utile riportare per intero il commento all’interno di questo post.

Prendendo spunto dalle segnalazioni e proteste di tutti voi utenti Internet relativamente alla accessibilità dei contenuti audio/video sul portale Rai.Tv , comunichiamo che l’ultima versione di prodotto già disponibile on line all’indirizzo www.rai.tv, ha introdotto alcune variazioni tecniche:

1. L’uso di ActiveX viene limitato (tramite riconoscimento di userAgent) alle pagine web presentate agli utenti su piattaforma Windows/Explorer (per i quali non ci risultano problematiche relative alla fruizione)
In tutti gli altri casi la gestione tramite ActiveX è stata eliminata, consentendo la fruizione dei video attraverso i player WindowsMedia, RealOne e FlashVideo.
E’ opportuno segnalare che questa gestione comporterà alcune modeste limitazioni, e cioè:
– le pagine di fruizione dei video utilizzeranno una barra dei comandi non omogenea rispetto ai differenti player
– nelle pagine di fruizione relative ai canali definiti come “WebTv” (Tric&Trac, Zoom, Stracult, ecc.), non viene gestita la riproduzione in sequenza automatica della playlist proposta. Quindi al termine della esecuzione di ogni video, si dovrà selezionare la prossima ‘traccia’ e richiederne il play.

2. Per ridurre la necessità di upgrade del Flash Player, sono stati modificati alcuni programmi ActionScript (flash) in modo da avere una compatibilità del codice con versioni di Flash Player a partire dalla 9.0.28 (precedentemente il sistema richiedeva la 9.0.45) .

3. Rispetto alla disponibilità di contenuti video nei vari formati di codifica, su Rai.Tv sono attualmente pubblicati contenuti digitalizzati in WindowsMedia o RealOne o FlashVideo. Si stanno al momento valutando tutte le opzioni tecnologiche per estendere il numero di possibili fruitori.

Concludiamo dicendo che siamo attentissimi alle segnalazioni di tutti gli utenti web, e che gli interventi descritti rappresentano solo il primo passo di un percorso che vorremmo sempre più condiviso con voi utenti stessi.

In astinenza da GG

Giuseppe Granieri

GG ci manca.
Quando il suo ritorno?
Il suo blog da giorni non è raggiungibile.
Lo vedremo presto in altri lidi credo. Ma presto quando?

(comunque l’immagine di repertorio trovata su Google è spettacolare, no?)